Effetto Doppler: Filippo Timi interpreta “Il corvo” di Edgar Allan Poe

24 Febbraio 2009 - 04:02

Pensiamo per un attimo alle atmosfere evocate dal grande scrittore e poeta americano Edgar Allan Poe, denominato il Maestro del Gotico, nella sua più famosa poesia Il Corvo. Proviamo a vivere la tetra notte in cui il protagonista del poema è stato assalito da un’incessante ed angosciosa inquietudine. Immaginiamo il tormento che lo ha portato ad interrogare con ossessiva insistenza un corvo capitato inaspettatamente alla sua finestra e la cui unica risposta è “Nevermore”.

Generalmente i protagonisti delle opere di Poe non rientrano nei canoni dei tipici eroi presenti nelle storie di fantasia. Solitamente sono creature elaborate seguendo le caratteristiche di personaggi reali e quotidiani. Talvolta sembrano essere caricature di alcuni lati oscuri del poeta. Nel caso de Il Corvo il protagonista è tormentato dal dolore per la perdita della sua amata Eleonora e cade in un vortice opprimente che alimenta allo stesso tempo il desiderio di dimenticare e di ricordare.

Le angoscianti e poetiche parole della poesia di Edgar Allan Poe risuoneranno nelle oscure grotte di Onferno domenica 1 marzo 2009 alle ore 16.30 per un nuovo ed imperdibile appuntamento dell’iniziativa Effetto Doppler: eventi nei musei. Narratore di questo appuntamento carico di mistero e terrore è Filippo Timi scrittore, assieme a Edoardo Albinati, del libro “Tuttalpiù muoio” nel 2006 che ha in seguito riadattato per il teatro e del più recente libro “E lasciamole cadere queste stelle”.

Volto noto anche nel mondo del cinema dove lo si ritrova in veste di attore nel film “Saturno Contro” di Ozpetek (nel ruolo di Roberto )e nella pellicola di Salvatores del 2008 ispirata al romanzo di Niccolò Ammaniti “Come Dio comanda”. L’originale interpretazione del perugino Timi, per l’occasione riscritta in dialetto umbro, non poteva avvenire in location più adeguata. Gli spazi più reconditi ed oscuri delle grotte di Onfernoa Gemmano di Rimini diventano lo sfondo scenografico di un’imprevedibile passeggiata poetica intitolata “Gli occhi chiusi del cielo” che toccherà i segreti più nascosti dell’animo umano.

Per informazioni: www.effettodoppler.net