Bergonzoni firma l’estate 2009 di Rimini

16 Marzo 2009 - 12:03

Già a partire dagli anni ’20 fu chiesto ad alcuni artisti e creativi di raccontare in una maniera del tutto originale e personale la realtà dell’estate riminese. Attraverso il linguaggio della pittura, della fotografia, della musica e della scrittura furono concepiti quelli che poi sono diventati i manifesti di un modo di vivere l’estate in una località balneare vivace e ricca di storia.

Tra i più famosi interpreti dell’Estate Riminese si ricorda l’illustratore Renè Gruau, il fumettista Milo Manara, il pittore-autore Pablo Echaurren, il grafico-designer Milton Glaser, l’eclettico creativo Marco Morosini e persino il musicista Lorenzo Cherubini.

Quest’anno a realizzare l’arduo compito sarà il versatile Alessandro Bergonzoni un dinamico attore, un sorprendente scrittore, un fantasioso pittore ed un uomo che sa ascoltare in profondità il suo animo e ciò che lo circonda come dimostrano le sue opere.

Da qualche anno Bergonzoni sta esplorando un percorso molto particolare nel quale pensieri e ragionamenti passano prima dalla forma scritta e poi a quella visiva. Ed è proprio tramite questa modalità che la sensibilità del geniale artista condurrà turisti ed abitanti del luogo in un viaggio surreale.

Parole tradotte in segni che sveleranno le caratteristiche di una città fatta di spiagge attrezzate, vita notturna e divertimenti ma anche, e soprattutto, di un affascinante entroterra, dell’accoglienza innata dei suoi cittadini e di tradizioni gastronomiche e culturali ben radicate.

Il materiale pubblicitario e informativo, che dal periodo di Pasqua inizierà a circolare in diversi contesti turistici, sarà contrassegnato dalle immagini ispirate da un divertente e veritiero gioco di parole di “bergonzoniana” creazione.

Nel Museo della Città di Rimini sono esposte le precedenti opere nate da questa iniziativa alle quali, alla fine dell’estate 2009, si unirà anche quest’ultima.