La Biblioteca Illuminata. Poeti e filosofi sotto le stelle

15 Giugno 2009 - 11:06

Parlare di filosofia o riflettere sulla condizione dell’uomo comodamente adagiati sulla fresca e profumata erbetta di un prato, sono attività antiche che risalgono a circa il 300 a.C. Periodo in cui nacque la Scuola di Filosofia di Epicuro, maestro nato a Samo nel 341 a.C che prediligeva esporre i suoi insegnamenti in luoghi aperti, più precisamente nei Kepos, i giardini.

Modo di istruire che ha ispirato gli organizzatori delle interessanti iniziative che si svolgono nella nuova Biblioteca di Misano Adriatico. La struttura si è modernizzata ed è stata ripensata, non solo come spazio dedito alla riflessione e alla lettura, come vero e proprio luogo di incontro per tutti. Il 18 giugno 2009, infatti, parte la rassegna “La Biblioteca Illuminata. Poeti e filosofi sotto le stelle” alla quale partecipano considerevoli esponenti del mondo dell’arte, della letteratura e del teatro.

Ogni giovedì alle ore 21.30 fino al 9 luglio l’appuntamento è nel bellissimo giardino della nuova Biblioteca di Misano Adriatico, un’iniziativa aperta a tutti e gratuita che affronterà temi importanti in maniera del tutto originale. Ad aprire la rassegna è la poetessa Mariangela Gualtieri che presenta “Un niente più grande”, un recital da lei definito “rito sonoro” che coinvolgerà il pubblico presente con gli intensi versi delle sue opere.

Lo spettacolo teatrale “Non tutti i ladri vengono per nuocere” di Dario Fo messo in scena dalla Compagnia “Quelli della Recita”, un gruppo di giovani talentuosi, e diretto da Alessandra Cogoli divertirà il pubblico di giovedì 25 giugno con testi frizzanti, mai banali e ricchi di humour. Grazie all’attore, filosofo e musicologo Quirino Principe giovedì 2 luglio, invece, si potranno riassaporare gli splendidi versi di Eugenio Montale.

Interessante la situazione che si creerà il 9 luglio in occasione della presentazione della recente opera di Massimo Donà, scrittore e filosofo contemporaneo, “I ritmi della creazione”. Oltre ad essere un grande intellettuale, Donà è anche un bravo jazzista che individua i ritmi esistenti in alcune famosissime opere di arte e letteratura nonché di musica jazz.

Ed è con la riflessione di Massimo Donà che cala il sipario sul giardino della Biblioteca di Misano Adriatico che diventerà il contesto di altri imperdibili eventi.