Case d’altri: Paesaggi e Architetture dell’appennino Emiliano Romagnolo

8 Settembre 2009 - 12:09

Una passione esplosa circa 40 anni fa, quella del ferrarese Paolo Zappaterra per la fotografia, passione che ha dato vita a splendide pubblicazioni ed affascinanti lavori.

In giro per il mondo è riuscito a catturare immagini uniche che ben rappresentano usanze e modi di vivere ma anche paesaggi naturali ed urbani molto differenti tra loro. Reportage realizzati in realtà diverse, si ricordano “Il sentimento della città”, “La Grecia dei colonnelli” e “Panarea”, che trasmettono l’esigenza di conoscere di un fotografo dalla spiccata sensibilità.

L’immenso archivio di Paolo Zappaterra, composto da fotografie che rivelano contesti ben distinti da quelli della nostra quotidianità, diviene un importante testimonianza storico- culturale. Nei documentari di viaggio compiuti per trasmissioni televisive di Rai e Telemontecarlo si possono osservare situazioni insolite e varie che hanno in comune la necessità di evolvere.

La mostra itinerante intitolata Case d’altri: Paesaggi e Architetture dell’Appennino Emiliano Romagnolo raccoglie le opere di Zappaterra realizzate nel 2007 per promuovere questa ricca regione. L’esposizione tocca i principali capoluoghi dell’Emilia Romagna e dall’11 settembre al 4 ottobre 2009 sarà la vivace Rimini ad ospitarla nelle sale del Palazzo dell’Arengo in Piazza Cavour.

Gli scatti di Zappaterra riescono a raccontare le atmosfere, gli atteggiamenti dell’uomo nei confronti del territorio e le peculiarità dell’arco alpino e collinare dell’Emilia Romagna. Dalle immagini selezionate è possibile intuire la storia di questa terra; foto di monumenti, ambienti e paesaggi in cui sono impressi i cambiamenti e gli avvenimenti più rilevanti avvenuti negli anni.

L’ingresso alla mostra è gratuito. In occasione dell’evento il Palazzo dell’Arengo eseguirà i seguenti orari 16.00 – 22.00 (feriali) e 16.00 – 22.00 (festivo) chiuso il lunedì.